Start-up: al maschile o al femminile?

All’Incubatore d’Impresa Magona di Cecina Start-up è una parola che usiamo quotidianamente, ma a forza di pronunciarla ci siamo domandati quale fosse il genere corretto da utilizzare.

Ci siamo allora divertiti a lanciare un sondaggio sulla nostra pagina Facebook, chiedendo al popolo della rete se fare riferimento ad un/una start up utilizzando il genere femminile o maschile.

Alla data odierna il 60% dei partecipanti ha indicato il genere femminile come quello da utilizzare (il sondaggio è però ancora aperto, se volete partecipare potete farlo qui), ma la cosa più interessante è il dibattito che ne è scaturito, anche su uno dei gruppi Facebook più importanti in tema di start up (Italian Start un Scene, trovate il thread qui) : commenti assai qualificati che ci forniscono un esempio concreto del valore della collaborazione sul web.

A questo proposito vogliamo citare l’intervento di Silvia Bruti, Professore Associato di Lingua e Traduzione inglese alla Facoltà di Lingue e Letterature Straniere dell’Università di Pisa, che così affronta la questione: “I prestiti dall’inglese sono per la maggior parte maschili, in parte perché in inglese il genere più frequente e meno marcato è il maschile (basta pensare ai pochissimi sostantivi che hanno un suffisso femminile, tipo princess, duchess, oppure quelli che hanno un maschile e un femminile, tipo dog/bitch). Detto questo poi ‘start up’ mi pare proprio analogo a tutta una serie di sostantivi deverbali (cioè che hanno origine da verbi), come ‘donwload’, ‘upload’, ‘back up’ oppure in ambito ospedaliero ‘rooming in’, e tutti quanti in italiano si usano al maschile: per es., ‘fare il download’, ‘il back up’, oppure ‘in quest’ospedale c’è il rooming in’. Può però succedere che il prestito venga ‘adattato’ all’italiano, adottando il genere del traducente italiano, per esempio nel caso di ‘e-mail’ si oscilla tra maschile e femminile, il femminile suggerito da ‘posta’. Dunque un panorama abbastanza aperto.”

Potevamo chiedere di meglio? Grazie Silvia!!!

Ma infine, per chi è più interessato al business che alla precisione lessicale, la risposta più giusta probabilmente è  ”Femminile o Maschile non me ne frega niente, l’importante è che funzioni!!”.

Diteci la vostra, e venite all’Incubatore Magona a proporre la vostra (o il vostro) start up!!!

This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink. Both comments and trackbacks are currently closed.
Archivio notizie
Progetto finanziato nel quadro del POR FESR Toscana 2007-2013 e PAR FAS 2007-2013